Pubblicato da: stevern-sail | 28 settembre 2013

amici Russi a bordo del Melina -dal Sud al Nord Sardegna-

IMG_1245
La crociera con gli amici Russi è iniziata il 21 settembre con rotta verso il nord della Sardegna. La prima tappa l’abbiamo fatta a Villa Simius ed abbiamo subito inaugurato la veleggiata con un vento moderato che ha spinto il Melina a circa 6 nodi e la serata l’abbiamo inaugurata con una bella cenetta a bordo preparata da Dmitry (devo dire ottinmo cuoco). A bordo abbiamo anche una splendida e giovane ragazza di nome Camille , Gli altri due componenti dell’equipaggio erano Dmitry ( il secondo) e Artem in tipica tenuta da marinaio russo. Tutti molto simpatici e brillanti. Il secondo giorno risalendo la costa abbiamo fatto una 70 di miglia , tra bordeggi vari fino a d arrivare in tarda serata a SantaMaria Navarrese (h 10). Non se la sentivano di cucinare così ne abbiamo approfittato per deliziare il nostro palato con gustose ricette a base di pesce fresco presso il ristorante. Ore 9,30 siamo ripartiti e verso le 18 ci siamo concessi un bagno ristoratore nelle acque limpide di Cala Mariolu e siccome era già tardi abbiamo deciso di andare direttamente in porto a Cala Gonone dove sono rimasto piacevolmente colpito riguardo la struttura ricettiva all’ormeggio, cosa inpensabile 3 /4 anni fa. Ecco di nuovo al ristorante degno della buona cucina sarda con l’accompagnamento di ottimi vini selezionati ( dal Costamolino al Cala, al Canonau riserva).
In pratica li abbiamo degustati tutti. Ai Russi piace il vino, ma quello veramente buono;. Il giorno successivo il mare era calmissimo ed in assenza di vento non abbiamo potuto utilizzare la vela , ma decidiamo di tornare 6 miglia indietro per non perderci la baia di Cala Luna e poi a motore siamo arrivati al marina La Caletta, in prossimità di Siniscola.
Proseguendo con la crociera abbiamo puntato la prua del Melina verso la Tavolara dove, a ridosso dell’isola Molara abbiamo gettato l’ancora nelle acque trasparentissime e di colore smeraldo con molti pesci che nuotavano intorno; una breve sosta per il lunch nella baia dell’isola Tavolara di fronte al ristorante la Corona, ma poi, dato che il vento nel frattempo ha rinforzato verso i 13-14 nodi, abbiamo veleggiato raggiungendo l’Arcipelago della Maddalena con una velocità di 5 nodi circa e come ogni giorno l’arrivo in porto è avvenuto al buio alle 20,30!
C’è da dire che durante il giorno non ci si fa mancare nulla e il cibo abbonda, come pure il vino di marca. Una delizia!
Rimarremo nell’Arcipelago ancora una paio di giorni e quindi ho pianificato la crociera per gettare l’ancora a cala Coticcio (Caprera) per poi rimanere alla boa in rada all’interno dei tre isolotti di Razzoli, Budelli e S.Maria, al passo degli Asinelli.
La serata si è subito presentata nel migliore dei modi perché all’arrivo una barca con equipaggio femminile ci saluta ed io colgo subito l’occasione per richiamarle via VHF e proporre un bicchierino di wisky dopo cena. Detto fatto caliamo il tender e piacevolmente abbiamo fatto gruppo . 5 donne sole più 4 maschi e la nostra bella rappresentante femminile Camille che vedete spesso nelle foto: è il nostro fiore all’occhiello!
La mattina si riparte dopo la solita succulenta colazione e giriamo attorno a Budelli e gettiamo l’ancora a Stramanari nelle acque stupendamente limpide ed invitanti. Qui gli amici russi raggiungono la spiaggia col tender per visitare più in là la spiaggia rosa, mentre io colgo l’occasione per riparare il lazy bag. I piani vengono sempre modificati di volta in volta perché concedo a loro la mia flessibilità ma tenendo conto ovviamente della fattibilità..

IMG_1241

IMG_1219

IMG_1222

IMG_1232

IMG_1233

IMG_1234.

IMG_1211

IMG_1198

IMG_1200

IMG_1202

IMG_1204

IMG_1205

IMG_1206

IMG_1224

Artem esprime il desiderio di andare a visitare la tomba di Garibaldi ed io l’accontento e procedo, stando attento, attraverso gli isolotti dei Corcelli e quelli di Baretti , così raggiungiamo Cala Garibaldi (Caprera). Verso le 17 h riprendiamo la rotta di avvicinamento perché voglio essere in serata a Cala Volpe, dove come di consueto arriveremo al buio. Ci piazziamo proprio di fronte all’hotel.
28 settembre 2013 , prima di terminare la crociera con gli amici russi Dmitry(1) Dmitry (2) Arthem and Camille mi porto nel golfo Aranci e facciamo sosta per un ultimo bagno a Cala Moresca; E’ qui che Artem libera l’elica da un filo di naylon di una piccola boa di un pescatore dilettante e che poco prima si era attorcigliato. Sono le 12,30 e entriamo nel canale di Olbia con un vento di 22-24 nodi, ideale per chiudere in bellezza la crociera con tutte le sue emozioni.

IMG_1225

IMG_1226

IMG_1238

IMG_1239

IMG_1240

IMG_1246

IMG_1247

IMG_1248

IMG_1252

IMG_1254

IMG_1257 d
Prossimamente inserirò la fotogallery che gli am ici russi mi invieranno . Vale la pena seguire il post.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: